“Ricordare al Mondo che oggi la disabilità non è più un fatto privato, a carico dei singoli, ma è un fatto collettivo, di cui è necessario quindi che la collettività si faccia carico”. È uno degli ambiziosi fini che intende raggiungere con il suo lavoro Salvatore Cimmino.

L’atleta torrese, celebre per le sue traversate a nuoto, sarà al liceo scientifico Pitagora-Croce di Torre Annunziata il 25 settembre, alle ore 10, per il convegno ‘Solo una società accessibile può diventare una società ideale’. Nell’ambito di questo appuntamento presenterà il libro ‘A nuoto nei mari del Globo’.

È importante spostare l’attenzione dalle condizioni della persona alla presenza di barriere che ne impediscono la partecipazione sociale - ha continuato Cimmino - Partendo dal fatto che la Convenzione ha prima di tutto un valore giuridico ne deriva che i Governi sono tenuti ad intervenire in misura maggiore rispetto al passato attraverso un sistema legislativo che preveda come fine l’indipendenza della persona con disabilità, fondamentale per un processo reale di integrazione”.

L’incontro è stato organizzato, oltre che dal liceo che lo ospita, anche dal Circolo nautico di Torre Annunziata e dalla Lega navale italiana – sezione di Castellammare di Stabia e Vico Equense – Parteciperanno, tra gli altri, il Procuratore capo del Tribunale di Torre Annunziata, Alessandro Pennasilico, l’ingegnere e ricercatore dell’Istituto superiore Sant’Anna di Pisa, Nicola Vitiello, ed il professore ordinario di diritto pubblico, Salvatore Prisco.