“Non lasceremo mai sole le famiglie di via Panoramica”. Antonio Vaiano, consigliere alle politiche sociali di Terzigno, ha parlato a nome dell’amministrazione guidata da Francesco Ranieri, in merito all’abbattimento delle 14 case nel Parco Santa Lucia, avvenuto lo scorso venerdì.

LA DELIBERA. L’esponente della maggioranza ha chiarito quelli che sono stati gli attimi successivi all’inizio delle demolizioni. “Il sindaco non era presente in via Panoramica, poiché assieme a tutti i collaboratori ha cercato con ogni mezzo di fermare il provvedimento – ha affermato Vaiano- Nella stessa serata di venerdì abbiamo ricevuto alcune famiglie, che hanno chiesto al primo cittadino Francesco Ranieri di non lasciarle sole. Nessuno ha mai preteso le sue dimissioni”.

Il fatto concreto è stata la delibera approvata, con l’atto numero 163, sabato scorso, alle ore 13,40, nel quale è stato deciso di richiedere al Consiglio dei Ministri l’istituzione di un fondo indennizzo “truffati” per i cittadini di Terzigno.

Tale delibera è stata inviata sia alla Regione Campania, che ai comuni limitrofi. Il regolamento sarà discusso nel prossimo Consiglio Comunale.

L’UNITA’ DI CRISI. Inoltre è stata anche aperta un’unità di crisi dallo stesso comune di Terzigno, per supportare le 14 famiglie sfrattate con fitti e traslochi. “Alcuni nuclei hanno già trovato sistemazione nel comune di Terzigno. Nessuno ha fatto richiesta di dover dormire in albergo oppure di non avere una soluzione temporanea –ha proseguito Vaiano- L’amministrazione ha esprimere la propria vicinanza nel miglior modo possibile. Proveremo a coprire, almeno per il momento, il 70% delle spese loro sostenute finora. Nessuno ha voglia di abbandonare le famiglie di via Panoramica, che hanno contatti diretti con il sindaco tutti i giorni. Sono un patrimonio della nostra città”.