“In questi anni ho avuto il conforto di numerosi cittadini e dei comitati che lottano contro l’inquinamento ambientale. E’ stato anche grazie a loro che ho trovato le energie necessarie per candidarmi e cercare di portare in Regione i problemi che affliggono tutta la zona vesuviana”.

LA SCELTA. A parlare è Orfeo Mazzella, attivista del Movimento 5 Stelle. Dopo anni di lotta a braccetto con il Comitato Gente del Sarno, il Comitato Salera, e l’Isde (Associazione Medici per l’Ambiente) ha deciso di scendere in campo candidandosi come consigliere regionale. Nei giorni scorsi ha presentato il suo programma alla città di Torre Annunziata in compagnia di Valeria Ciarambino, capogruppo regionale uscente del Movimento in Regione Campania. “Il fatto di non avere punti di riferimento politici nella città in cui vivo – ha spiegato Mazzella – poteva scoraggiarmi o addirittura penalizzarmi in qualche modo. Io ritengo invece di essermi mosso liberamente nel contesto della città, a prescindere dal colore politico dei consiglieri comunali. Così è stato per le lotte sul Sarno, così sulle cisterne e sulle malattie rare. Mi auguro che i cittadini che mi hanno sostenuto in questi anni facciano altrettanto in questa nuova avventura”.

I PUNTI PROGRAMMATICI. Disabilità, ambiente e salute: saranno questi i principali temi sui quali si svilupperà il programma di Orfeo Mazzella. E proprio sulla salute i prossimi impegni saranno focalizzati su un tema che sta molto a cuore all’attivista: “Da anni sono alle prese con l’aumento del tasso di mortalità registrato nell’area vesuviana e del numero di malformazioni congenite – ha continuato Mazzella -. Un allarme che parte da lontano e che trova radici nel piano regionale delle bonifiche. Secondo questo documento, aggiornato al 31 dicembre 2019, i siti attenzionati sono 4699, ma solo per 412 di questi il procedimento è stato concluso, solamente 40 le bonifiche ultimate. A rimetterci è la salute dei cittadini”.

LE BONIFICHE. Ma c’è dell’altro. Tra gli elementi da tenere sotto controllo, Mazzella cita anche gli ex Sin, siti di interesse nazionale che sono stati declassati a Sir (siti di interesse regionale, ndr) la cui competenza quindi è ricaduta sulla Regione. “Tra i Sir in questione c’è anche l’area del bacino idrografico del fiume Sarno e l’area del litorale vesuviano, compresa l’area di costa fino a 3 km. Solo all’interno di quest’area ci sono 367 siti da bonificare. Questo incide sul tasso di mortalità della nostra regione, ancor più nella nostra provincia. L’atlante sulla mortalità prodotto dalla Regione suggerisce l’adozione di provvedimenti stringenti in materia di prevenzione”.

Proprio su questo Mazzella ha recentemente presentato un’interrogazione al ministro della Salute e al ministro dell’Ambiente, presentata anche dalla consigliera regionale Muscarà in Regione Campania. “Ad oggi non abbiamo avuto risposte sufficienti”, ha concluso Mazzella.

Prossimo incontro sul Corso Vittorio Emanuele a Torre Annunziata: di fronte al Bar Ghezzi verrà allestito il prossimo 2 settembre un infopoint sulle prossime attività del Movimento 5 Stelle in vista delle elezioni del 20 e 21 settembre.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"