"Registriamo segnali di ripresa dell'attività investigativa in Messico. Le richieste avanzateci recentemente dalle autorità d'oltreoceano ci fanno capire che, finalmente, anche lì si fa sul serio per chiarire la sorte di Angela Celentano". Ospite della trasmissione "Chi l'ha visto" in onda su Rai3, il ministro Orlando è intervenuto per raccontare gli ultimi sviluppi della vicenda, cominciata il 10 agosto del 1996, quando la piccola Angela Celentano, durante una gita sul Monte Faito, scomparve nel nulla.

"Le autorità italiane si sono adoperate sin dal primo momento in cui si è aperta la pista messicana e la Procura della Repubblica di Torre Annunziata, in particolare, non ha mai smesso di indagare. Lavorano con la stessa attenzione come se l'episodio fosse avvenuto una settimana fa". "Purtroppo - ha specificato il ministro - ci sono stati diversi ostacoli che i pm oplontini hanno dovuto affrontare nelle ricerche di Celeste Ruiz, la ragazza che, in una mail, dichiarò di essersi riconosciuta nelle foto della piccola Angela. In Messico - ha raccontato il ministro - non esiste come in Italia l'obbligatorietà dell'azione penale. Le indagini dei magistrati si fermano oppure proseguono in base ai governi in carica. Le autorià precedenti hanno sottovalutato la vicenda. Poi, in occasione della mia visita oltreoceano, ho sollecitato i vertici della Procura General e lo stesso hanno fatto l'ex premier Renzi e il presidente Mattarella. E anche il nuovo presidente del Consiglio Gentiloni, fino a poche settimane fa ministro degli Esteri, conosce bene la vicenda e la segue con particolare attenzione. Tutto ciò ci permette di registrare un atteggiamento completamente diverso rispetto a prima". Orlando, in particolare, ha fatto riferimento ai campioni di dna chiesti dagli inquirenti e dagli investigatori messicani ai genitori e alle sorelle di Angela Celentano: "Questo ci fa capire che anche da quelle parti stanno facendo sul serio. E noi, da parte nostra, continueremo a fare qualsiasi cosa per capire se Angela e Celeste sono la stessa persona e come la bambina sia potuta arrivare in un Paese così distante dal nostro".

Alla puntata di "Chi l'ha visto?" hanno preso parte anche i genitori di Angela, Catello e Maria Celentano e il loro avvocato Luigi Ferrandino, in collegamento dallo studio napoletano di quest'ultimo. "Sono quasi sette anni che aspettiamo di conoscere la verità sulla pista messicana, mi appello al ministro affinché le autorità ci diano al più presto una risposta sulla sorte di nostra figlia", ha detto Catello. Da Ferrandino, invece, un invito a Orlando affinché solleciti la diffusione in Messico delle fotografie di Celeste Ruiz: "Può essere un elemento determinante - ha spiegato il penalista napoletano - per risolvere questo mistero".
 


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"