"Ho ribadito la mia disponibilità ad essere sentita nella convinzione che nulla possa essermi imputato e che non possa che essere riconosciuta la mia totale estraneità all'intera vicenda". Lo dichiara la deputata Luisa Bossa, membro della Commissione Antimafia, a proposito delle notizie di stampa dei giorni scorsi su un suo coinvolgimento in una indagine della Procura di Napoli riguardante appalti ad Ercolano. A tal proposito, la parlamentare precisa che non le è stato notificato alcun avviso di garanzia - come erroneamente riportato da alcuni organi di stampa - "ma soltanto una mera richiesta di proroga delle indagini. Si è in presenza, pertanto, di una ipotesi investigativa che allo stato non necessita di alcuna presentazione spontanea presso gli uffici della Procura della Repubblica". Laddove nel corso delle indagini emergessero sviluppi investigativi degni di nota, Bossa ha già manifestato, attraverso il suo difensore, l'avvocato Giovanni Siniscalchi, la volontà di essere ascoltata per offrire "un immediato chiarimento agli organi inquirenti".