Si fingeva avvocato operante nell’Inps e truffava invalidi civili che richiedevano la pensione. L’uomo, che aveva già diversi precedenti penali, ha truffato più di quaranta persone, residenti in Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Piemonte e Puglia.

 F.C., 38 anni, abitante a Settimo Torinese, faceva credere alle vittime di essere riuscito sbloccare la loro situazione e di aver vinto le loro cause, richiedendo somme variabili dai 1000 ai 3000 euro.

Dopo l’indagine condotta dai carabinieri di Torino l’uomo è stato arrestato in seguito al suo ultimo colpo: è stato fermato dai carabinieri dopo aver incassato l’ultimo vaglia presso l’ufficio postale di Settimo Torinese.  2.500 euro,  frutto di una truffa commessa ai danni  di una donna, G. G., abitante a Tortoreto (TE) . All’interno di un cestino della spazzatura, situato all’esterno dell’ufficio postale, è stata ritrovata, strappata in più parti dall’indagato, la ricevuta del vaglia postale riscosso poco prima.