Trecentocinquanta famiglie sfamate negli ultimi 4 mesi del 2017: sono i risultati del progetto di sostegno sociale partito dopo il protocollo d’intesa firmato tra il comune di Torre Annunziata ed il Banco Alimentare Campania.

Il progetto, dal titolo “Condividere i bisogni per condividere il senso della vita” proposto dalla onlus con sede a Fisciano, in provincia di Salerno, opera in Campania da moltissimi anni, essendo attivo in circa 120 comuni.

Con la somma stanziata di 23mila euro, il comune supporterà il Banco Alimentare Campania nelle attività di gestione del servizio: esso consiste nel sostegno delle famiglie bisognose del territorio, individuate dai Comuni, in collaborazione con i Servizi Sociali e prevede la distribuzione mensile - agosto escluso - di un pacco contenente alimenti di prima necessità, in favore dei nuclei  familiari che versano in condizioni di disagio economico.

Attraverso l’assegnazione del pacco alimentare, distribuito secondo una graduatoria stilata dal comune e basata su parametri economici e sociali che corrispondevano ad un determinato punteggio, dando atto che, a parità, la precedenza in graduatoria, è stata data ai possessori della certificazione ISEE più bassa. Ad ulteriore parità di punteggio, si è tenuto conto dell’ordine di arrivo delle istanze al Protocollo Generale dell’Ente.

Il bando, scaduto il 5 gennaio scorso, ha raccolto 480 istanze, di cui 384 nuclei familiari idonei: sono state 96 le richieste rigettate per mancanza di documentazione necessaria.  Due le graduatorie stilate: una per famiglie con due e più componenti (338 istanze); l’altra per nuclei familiari con un solo componente (46 istanze).

Sull’albo pretorio del comune di Torre Annunziata (n. 856) la graduatoria completa dei nuclei beneficiari.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"