Società Sportiva Città di Bari. Questo il nuovo nome del club del capoluogo pugliese targato Aurelio De Laurentiis. Un’indiscrezione che ha del clamoroso quella lanciata sulle pagine dell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport.

Si è inserito prepotentemente anche l’attuale patron del Napoli nella corsa all’assegnazione del titolo sportivo da parte delle istituzioni comunali. Concorrenza spietata e numerosa ma il sindaco Decaro è stato già fulminato dalle visioni futuristiche del produttore cinematografico, deciso a creare un vero e proprio asse tra Napoli e Bari per costituire un polo sportivo del Sud in grado di contrastare quello del Nord.

L’avvocato Grassani, consulente legale di fiducia della famiglia De Laurentiis, sta studiando le carte e seguendo in prima persona la vicenda. Un progetto che coinvolge indirettamente anche il club azzurro. Sì perché Bari potrebbe diventare a stretto giro di posta la piazza ideale per favorire crescita e maturazione dei tanti talenti del settore giovanile partenopeo, in fase di rinnovamento dopo l’arrivo di Reja.

Propositi bellicosi ma, d’altro canto, anche se in fase embrionale, l’affare Bari-ADL rischierebbe di gettare nuovamente nell’ombra la crescita – interna e diretta – del Napoli: centro sportivo, o ‘scugnizzeria’ che dir si voglia, e nuovo stadio finirebbero nuovamente nel dimenticatoio?

 

A cura di Francesco Auricchio


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

il progetto "scugnizzeria"