Il rush finale della Serie A che vedrà concentrate le ultime partite del calendario da qui a fine luglio annovererà sia big match sia incontri più blandi. Tra le partite di cartello ce n’è una che interessa anche il Milan, autore di un buon rendimento da quando è ripreso il campionato. L’Atalanta sta occupando a ragione le prime posizioni della classifica e vuole sfidare il “Diavolo” in casa sua per consolidare la propria dimensione europea, in vista dell’impegno di Champions con il Paris Saint-Germain. Si tratta di una delle gare più attese di queste ultime settimane.

In un Meazza ancora silenzioso, a causa dell’assenza del pubblico pagante, il Milan spera di poter fare affidamento sul miglior attacco possibile. Zlatan Ibrahimovic aveva accusato qualche problema fisico di recente e si temeva per una rottura del tendine d’Achille, ma la stagione non è a rischio. Senza “Ibra” il Milan perde parecchio: in generale, la qualità della rosa non è tra le più elevate e con il bomber il discorso cambia radicalmente. I rossoneri avevano trovato una nuova marcia con il suo arrivo e se oggi possono tenere testa alle altre big lo devono principalmente a lui. Anche per questo, lasciar andare via lo svedese potrebbe rivelarsi deleterio per la prossima annata. In ogni caso, diversi elementi della rosa come Ante Rebic e Rafael Leao stavano iniziando a rendere al meglio prima dello stop e anche adesso si stanno distinguendo a dovere. Il Milan non ha praticamente nulla da perdere in campionato e questa curiosa estate del calcio italiano potrà ancora regalare più di una soddisfazione ai tifosi rossoneri.

L’Atalanta, invece, aveva travolto in trasferta il Lecce con un roboante 2-7 prima dell’interruzione della Serie A. L’attacco dei nerazzurri è il migliore del campionato e in generale gli orobici vantano numeri davvero spaventosi, se si pensa inoltre che per diverse settimane il bomber Duvan Zapata non è stato disponibile. Anche gli elementi meno in vista come Gosens stanno facendo molto bene, ma a prescindere non c’è un solo giocatore della formazione di Gasperini che sia da sottovalutare. Basti pensare che Gollini ha tutta l’intenzione di scavalcare le gerarchie in Nazionale e lanciare il guanto di sfida direttamente a Donnarumma, spesso incerto nelle uscite.

Sarebbe una beffa se a punire il Milan fosse Pasalic, portato in Italia proprio dai rossoneri e scaricato dopo una sola annata, prima di essere rinvigorito dalla “Dea”. Il croato sta conducendo la migliore stagione della sua carriera. Per il “Diavolo”, quindi, c’è in gioco anche un pezzo d’onore. Come intuibile, d’altronde, la classifica non potrebbe regalare altro ai padroni di casa.

I pronostici degli addetti ai lavori relativi a questo match presentano pochi dubbi. Sono tante le tipologie di scommesse sul calcio disponibili sulle piattaforme di betting, tra cui selezionare il proprio pronostico preferito per Milan-Atalanta. Per esempio sarà possibile optare per il numero di goal realizzati, i marcatori o il risultato di fine primo tempo.  Se proprio dovrà lasciare di nuovo la Serie A, Zlatan Ibrahimovic vorrà lasciare ancora una volta il segno in un big match. L’avversario è di tutto rispetto, dunque a prescindere dall’esito dell’incontro ne vedremo sicuramente delle belle.