Voglio giustizia per tutti i bambini che sono stati abusati e voglio che i colpevoli paghino per quello che hanno fatto”. Lo ha detto Pietro Loffredo, padre di Fortuna, la bimba - secondo l'accusa violentata e uccisa dal vicino di casa, Raimondo Caputo - dinnanzi al Tribunale di Napoli Nord, ad Aversa, dove nel pomeriggio è previsto l'incidente probatorio che riguarda due bambine, di 4 e 5 anni, figlie della compagna di Caputo, anche lei ritenuta coinvolta nella vicenda.

Voglio che quello che è capitato a Fortuna non capiti a nessun altro bambino”, ha detto ancora Pietro Loffredo davanti al palazzo che ospita il tribunale dove si sono radunata una ventina di giornalisti, fotografi e operatori video di diverse testate.

L'avvocato Angelo Pisani, legale del padre di Fortuna e dei nonni, incontrerà il sottosegretario alla Giustizia, Federica Chiavaroli, alla quale chiederà un intervento ad horas del Governo. Sarà anche consegnato all'esponente di governo un dossier sui gravi fatti accaduti e i pericoli che ancora corrono i bambini nel Parco Verde di Caivano dove, il 24 giugno del 2014, avvenne la tragedia.

I disegni

Altre 5 vittime

La richiesta dell'avvocato

Il dramma