Un ultimo saluto ad un bimbo volato in cielo troppo presto. E una città che è rimasta sotto choc per una tragedia devastante. Si terranno alle 12 di domani, nella chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci di Napoli, le esequie del piccolo Samuele, il bimbo di 4 anni ucciso venerdì scorso a Napoli dal domestico che l'ha preso in braccio e lo ha lasciato cadere nel vuoto, quando la mamma, all'ottavo mese di gravidanza, si è recata in bagno per un lieve malore.

Oggi pomeriggio si è svolta nel Secondo Policlinico, l’autopsia disposta dalla Procura che sta indagando sull'accaduto e che accusa il domestico, Mariano Cannio, di 38 anni, di omicidio volontario aggravato.

la frase choc

gli sviluppi

La richiesta

il fermo

La richiesta

La tragedia