I “Braccialetti Rossi” a Boscoreale per un’occasione speciale: la festa di diciotto anni di Pio Luigi Piscicelli, uno dei principali protagonisti della nota fiction Rai nelle vesti di Toni il furbo. Al CineTeatro Minerva, appositamente preparato per l'occasione, nella serata di venerdì, una vera e propria reunion dei ragazzi che hanno fatto commuovere l’Italia intera con le loro interpretazioni.

Una serata all’insegna della gioia giovanile, della bella musica e di grandi emozioni, che Pio Luigi Piscicelli ha saputo “condurre” con la simpatia che, da sempre, lo contraddistingue. “E’ stata una festa straordinaria. – ha detto la guest star alla fine della serata, visibilmente emozionato - Sono stato insieme a tutti i miei amici più cari, quelli di una vita, i compagni di scuola e gli altri ‘Braccialetti’. Ringrazio Pino e Stefania De Caro, che hanno curato l’organizzazione a partire da luglio. Inoltre, ringrazio mia mamma, mio padre e tutta la famiglia, che mi sostengono e sono sempre al mio fianco”.

La sorpresa più gradita è stata la presenza dei compagni di avventura. Ad omaggiare Piscicelli, al Minerva, erano presenti Brando Pacitto (Vale, il vice leader), Mirko Trovato (Davide, il bello) e Lorenzo Guidi (Rocco, l’imprescindibile), accompagnati dall’autore della colonna sonora, Niccolò Agliardi. Un legame, quello tra Pio Luigi e gli altri amici attori, profondo, che si evince dalle loro risposte alle nostre domande.

“A Pio voglio tanto bene e sono qui per questo – ha spiegato Brando Pacitto, annunciando i suoi attuali impegni e programmi futuri – Sto studiando teatro per continuare il percorso nel mondo della recitazione”.

Molto caloroso l’intervento di Mirko Trovato, altro romano verace. “Sono molto contento di essere venuto fino a Napoli per il compleanno del mio amico Pio – ha spiegato – Anche se vivo a Roma, non è certo la distanza che rovina i rapporti. Con Pio Luigi, ci teniamo in contatto costantemente. Spero, in futuro, di fare quello che mi rende felice”.

Dello stesso tenore, le parole di Lorenzo Guidi. “C’è un grosso legame tra noi dopo le tre stagioni insieme – ha affermato - Pio è ormai uno di famiglia a Roma. Oggi ci siamo visti come amici, non come colleghi. In questo momento, mi sto preparando a girare svariate cose, essendo impegnato tra provini e progetti vari”.

Un grande attestato di affetto unito a notevoli speranze per il futuro, affinché il sogno di una vita si realizzi. Nel frattempo, uno dei sogni di Pio Luigi Piscicelli si è avverato: trascorrere uno dei giorni più importanti della propria vita circondato dalla presenza e dall’affetto dei familiari e delle persone a lui più care. Una grande gioia per un ragazzo brillante e talentuoso che, pur coltivando il proprio amore per la recitazione, non trascura affetti, legami e la quotidianità di un ragazzo della sua età.