“Antonio Diplomatico è inadeguato a dare forza all’azione amministrativa. Con la sua condotta ha dimostrato di non meritare più la stima di chi l'ha sostenuto in consiglio comunale ma anche la fiducia di tutti i cittadini, che sempre più spesso chiedono sfiduciarlo e mandarlo via per il bene di Boscoreale”.

Con queste parole Crescenzo Federico annuncia il suo passaggio all’opposizione con il gruppo Movimento Popolare Campano. Dopo soli 20 giorni, la maggioranza perde così un altro pezzo, dopo l’addio di Gaetano Campanile. Numerosi i fallimenti secondo il consigliere: “Gli uffici comunali svuotati, la pulizia delle strade cittadine, le opere pubbliche in primis il parcheggio di Piazza Pace, l'area mercatale, lo stadio Pozzo, la villa comunale in stato di abbandono, fino al muro di omertà su Ambiente Reale – ha spiegato Federico -. La maggioranza ha inabissato questo paese svendendo la fiducia dei cittadini, oltre alla loro moralità, pur di restare a galla. Boscoreale non merita questo stato di abbandono”.

Alle forze di minoranza si aggiunge quindi un altro tassello. Oltre a Di Lauro, Sodano, Langella, Sergianni e Campanile, anche e il neo entrato Federico siederà tra i banchi dell’opposizione. Dieci consiglieri contro i 6 dell’opposizione, che fanno dormire sonni tranquilli, almeno per il momento, al primo cittadino: “Questa amministrazione ormai naviga a vista – ha concluso Federico – mantenuta dall'opportunità e dalla momentanea convenienza di qualche ‘funambolesco’ consigliere che, pur se dichiara di sostenere il sindaco, ‘siede sulla riva del fiume’”.

la tari