A Boscoreale, consiglio comunale lampo. Si è esaurita, infatti, in poco meno di dieci minuti la riunione del civico consesso. All’ordine del giorno assestamento generale di bilancio e salvaguardia degli equilibri di bilancio per l’esercizio 2017/2019, ed ancora conto economico e dello stato patrimoniale ad integrazione del rendiconto di gestione dell’esercizio 2016. Argomenti cardine ai quali si sono aggiunte tre deliberazioni di giunta di variazione di bilancio e nove riconoscimenti di debiti fuori bilancio.

Il tutto approvato senza la minima discussione. A favorire la rapida conclusione della seduta, l’assenza dei consiglieri di opposizione, alcuni dei quali, seppur presenti fisicamente, hanno preferito non partecipare di fatto alla votazione ed alla eventuale discussione. Eppure, ci sarebbe stato da argomentare tenuto conto delle recenti polemiche sollevate rispetto all’attendibilità o meno di conto economico e stato patrimoniale per quello che concerne il rendiconto di gestione dell’esercizio 2016.

“Non voglio diventare complice di quello che stanno votando – ha commentato a margine Gennaro Langella, uno dei consiglieri ‘assenti’, insieme a Gaetano Crifò, che viaggia sulla stessa linea d’onda – Come già più volte ribadito, avremmo votato un bilancio che i revisori hanno reputato inattendibile. Questi debiti e criticità ce le porteremo dietro nel tempo”.

“C’è qualcuno che si incavola, mentre, in realtà, di fronte a questa situazione bisogna sorridere – ha aggiunto Giacomo Tafuro, intercettato poco dopo la conclusione dei lavori e, a suo dire, sorpreso della velocità dei lavori (non ha infatti partecipato alla riunione consiliare) – Quello che, in questi giorni, hanno affermato sindaco e vicesindaco non sta né in cielo né in terra. Le pessime condizioni economiche e non solo in cui versa il nostro paese sono sotto gli occhi di tutti”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"