Torna la paura a Boscoreale per bombe e ritorsioni. Scatta la stretta sui quartieri bunker. I carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata, supportati dai militari del 10° Reggimento “Campania” e del Nucleo Cinofili di Sarno, hanno svolto un servizio ad “alto impatto” a Boscoreale e nei comuni vicini. Particolare attenzione è stata ancora rivolta al “Piano Napoli” di villa Regina.
Durante i controlli, un 32enne già noto alle forze dell'ordine, è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, alla guida della propria auto, non ha rispettato l’alt intimatogli dai militari durante un posto di controllo in via Settetermini ed è fuggito dopo una pericolosa manovra elusiva. È stato rintracciato successivamente presso la propria abitazione e segnalato all’Autorità Giudiziaria.


Un 38enne è stato denunciato per false dichiarazioni sull’identità personale. Sottoposto a controllo mentre era a bordo di un’autovettura, forniva ai militari delle generalità false, nel tentativo di ostacolare la propria corretta identificazione.
Un 47enne è stato invece denunciato  per ricettazione, dopo essere stato controllato a bordo di una Mini Cooper risultata rubata pochi giorni prima a Sant’Antonio Abate. L’auto è stata riconsegnata al legittimo proprietario.


Nel corso del servizio sono state 17 le perquisizioni complessivamente eseguite a carico di persone, veicoli e domicili. 137 le persone identificate e 68 i veicoli controllati. Nel corso dell’intero servizio sono state elevate 18 contravvenzioni al codice della strada, mentre 4 veicoli sono stati sequestrati e 3 patenti sono state ritirate, in quanto non in regola con i documenti di circolazione.
Sempre elevata l’attenzione verso la verifica sul rispetto delle norme anti-contagio. 18 persone sono state sanzionate per l’inosservanza al divieto di spostamenti tra comuni diversi o privi di dispositivi di protezione individuale.
I controlli sull’area proseguiranno senza sosta anche nei prossimi giorni.