Un sostegno per famiglie in difficoltà, grazie a buoni spesa, sconti sulla tassa dei rifiuti e contributi per fitti.

È stato pubblicato oggi l’avviso pubblico per l’assegnazione di voucher o fornitura di generi di prima necessità, disponibile sul sito internet istituzionale, rivolto a persone che versano in stato di grave disagio economico, quale misura di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid.

La scadenza per la presentazione delle domande è stata fissata alle ore 12:00 di martedì 7 dicembre 2021. La compilazione dell’istanza dovrà avvenire esclusivamente mediante la procedura telematica attivabile accedendo a questo link.

Possono accedere al beneficio: i cittadini italiani residenti nel Comune di Boscoreale, i cittadini di Stati diversi da quello italiano, in regola con le disposizioni che disciplinano il soggiorno e residenti nel comune di Boscoreale, profughi, rifugiati, richiedenti asilo, stranieri con permesso rilasciato nel rispetto delle tipologie previste dalla Legge. Il richiedente, unitamente al nucleo familiare, deve avere un ISEE familiare non superiore a 10mila euro.

Nella giornata di ieri, invece, sono stati pubblicati gli avvisi pubblici, altrettanto disponibili sul sito internet istituzionale, per l’accesso a contributi per il pagamento dei canoni di locazione e Tari (Tassa Rifiuti) utenze domestiche, emanati altrettanto nell’ambito delle misure di sostegno alle famiglie che hanno sofferto la crisi economica a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid. La scadenza per la presentazione delle domande per tali bandi è stata fissata alle ore 12:00 di venerdì 3 dicembre 2021. 

I requisiti di base per accedere ad entrambi i bandi sono gli stessi previsti per l’accesso ai voucher o fornitura di generi di prima necessità. Inoltre, per le specifiche misure devono avere contratti regolarmente registrati prima del 23 febbraio 2020 e tuttora in validità. Il richiedente deve aver un ISEE non superiore a 12mila euro. Per ogni nucleo familiare richiedente sarà concesso un contributo che consiste in un importo pari al 50 per cento dell’ammontare complessivo annuale del canone, per un ammontare massimo di 1.200 euro.

Per il contributo economico una tantum relativo alla Tari bisogna essere in regola con i pagamenti degli anni precedenti (2015-2018), come dimostrato dalla documentazione dell’avvenuto pagamento da allegarsi a pena di esclusione ed essere in possesso di attestazione ISEE ordinaria 2021 o, laddove ricorrano le condizioni previste dalla legge, di attestazione ISEE corrente 2021, in corso di validità fino a 20mial euro. Sarà concesso un contributo massimo di € 300.

“La pandemia ha avuto un impatto devastante sulle condizioni economiche delle famiglie, in particolare di quelle più fragili che quotidianamente fanno fatica a condurre una vita dignitosa, e nei limiti delle nostre possibilità stiamo facendo di tutto per sostenerle - spiega Bernardina Di Capua, assessore alle politiche sociali”.

“Queste misure - commenta Francesco Faraone, vicesindaco - serviranno ad alleviare il disagio e a dare un po’ di respiro proprio a quei nuclei familiari con particolare fragilità sociali. Per i buoni spesa anche quest’anno abbiamo posto le condizioni per consentire che gli acquisiti avvengano interamente sul nostro territorio, sostenendo così l’economia locale e i commercianti reduci dalla crisi generata dal Covid-19”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"