Segni di colpi alla testa. Si fa largo l’ipotesi dell’omicidio dell’uomo ritrovato in un rudere abbandonato alla periferia di Boscoreale.

Le indagini dei carabinieri di Torre Annunziata proseguono a spron battuto per accertare la dinamica dei fatti che hanno scosso le comunità di Boscoreale e Poggiomarino, nella zona di confine dove c’è il rudere abbandonato in cui è stato ritrovato il cadavere. Da un primo esame del medico legale arrivato sul posto con il magistrato di turno della Procura di Torre Annunziata si evince che si tratterebbe di una vittima di origini marocchine e di un'età presumibilmente sui quarantaquattro anni.

La salma è stata sequestrata e portata al Policlinico di Napoli per gli esami autoptici. Indagini in corso dei carabinieri per chiarire le cause della morte e la dinamica. Dai primi accertamenti si dovrebbe chiarire se si sia trattato di un omicidio, secondo una delle ipotesi attualmente al vaglio dei carabinieri. La zona è stata interdetta. Via Canalone, dove si trova il rudere abbandonato all'interno del quale è stato trovato il corpo, è tra le strade che portano al Parco del Vesuvio.

I militari stanno in queste ore effettuando accertamenti anche per capire se, poco distante, ci fossero telecamere di videosorveglianza di abitazioni private che possano contribuire alle indagini.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

Il fatto