Un incidente frontale che poteva costare caro. Nella giornata di ieri i carabinieri della Radiomobile di Torre Annunziata hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione un 65enne un 40enne, già noti alle forze dell’ordine.

Tutto è partito da una chiamata al 112, che avvertiva di alcune persone sospette in via Carpiti a Terzigno. I carabinieri hanno visto tre uomini scendere da un’auto, successivamente risultata rubata a Boscotrecase.

Alla vista dei militari dell’arma i malviventi sono saliti su un’altra vettura e sono fuggiti. Da questo momento è cominciato un inseguimento durato all’incirca 3 chilometri.

La fuga è finita in via Settetermini, a Boscoreale, quando i malviventi si sono trovati nella direzione opposta un’altra pattuglia dell’arma che stava giungendo in supporto. L’impatto frontale è stato assai violento.

I banditi sono scesi dall’auto e soltanto due sono stati arrestati con non poche difficoltà dalle forze dell’ordine. E’ ancora caccia al terzo complice della banda.

Ben quattro sono stati i carabinieri a finire in ospedale.  Per i militari rimasti coinvolti nell’incidente 30 e 15 giorni di prognosi anche se a causa dell’impatto le conseguenze potevano essere ben peggiori. Gli altri due che hanno dovuto fermare i malviventi, invece, altri 15.

I malviventi, visitati da personale del 118 ed illesi, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

l'inseguimento