Ancora un gesto di grande solidarietà in questo periodo di emergenza epidemiologica da Covid-19, da un’azienda che ha la sede operativa a Boscoreale. Il noto brand “Pialauri Capri”, azienda di alta moda sartoriale con sede a Capri, ha donato visiere protettive che tramite il Comune saranno distribuite ai medici di base del territorio e ai loro collaboratori.

Pia Lauri e il consorte Giuseppe Brancaccio, già presidente dell’associazione imprenditori di Boscoreale, ieri mattina sono stati ricevuti in sala giunta dal sindaco Antonio Diplomatico, presenti anche alcuni medici di base e una rappresentante dei collaboratori di studio.

“Abbiamo sentito il desiderio di poter essere utili e realizzare qualcosa che possa proteggere chi è in prima linea a combattere contro il Covid-19 – spiega Pia Lauri -. Questo tipo di visiera è stata studiata per renderla movibile, particolarmente utile per i medici quando visitano i pazienti. Un prodotto che non dà il senso di oppressione, realizzato in poliestere antiriflesso che non dà disturbi agli occhi. Ringrazio il sindaco – continua Pia Lauri – che subito ha accolto la nostra iniziativa, che intendiamo estendere a chi ne ha bisogno, e tra questi pensiamo anche ai vigili urbani. La visiera porta il marchio dell’azienda e la bandiera italiana proprio per darle una particolare identità e un messaggio di fratellanza. Noi ci siamo – conclude Pia Lauri – in questo momento difficile che ci vede tutti coinvolti, in cui è fondamentale il mutuo soccorso, il poterci aiutare l’uno con l’altro”.

“Ringrazio l’azienda “Pialauri Capri” per questo gesto di solidarietà – commenta il sindaco Antonio Diplomatico -. È un graditissimo dono destinato ai medici di base che, voglio rammentare, sono stati e sono in prima linea sprovvisti di tutto. Ricordo che i medici di base - aggiunge il sindaco - hanno pagato un alto tributo con ben 170 decessi in tutta Italia. È stata una strage. Questi dispositivi di protezione - prosegue il sindaco - saranno molto utili non solo in questa fase, ma anche nel prossimo autunno quando ci sarà il periodo influenzale. Una protezione che innalzerà la nostra sicurezza e quella dei nostri familiari”.