Un documento contro la modalità di scelta degli scrutatori. Questa mattina, in occasione del consiglio comunale, i consiglieri di opposizione Carmine Sodano, Pasquale Di Lauro e Nicola Sergianni hanno voluto esprimere il loro dissenso dopo la lettura dei nomi delle persone che dovranno lavorare ai seggi per le elezioni regionali e il referendum dei prossimi 20 e 21 settembre.

La loro è stata una protesta non solo per il modo, ma anche per il mancato coinvolgimento delle forze di minoranza. “Si è ribadito più volte che Boscoreale si trova in un periodo di forti difficoltà economiche con tanti giovani disoccupati e sfiduciati abituati a vedere tante ingiustizie. Ebbene, anche in questa occasione hanno assistito ad una ulteriore privazione di un diritto. Lo definiremmo un vero e proprio sopruso. E’ pur vero che la legge n. 270 del 21 maggio 2005 ha modificato la precedente normativa che prevedeva il sorteggio in pubblica adunanza, ma il sorteggio è pur sempre previsto ed è l’unico rimedio che può limitare il criterio di scelta lasciato alla competenza di una commissione elettorale (in cui noi minoranza non siamo per niente rappresentati). Migliaia di comuni italiani hanno inteso ripristinarlo, basti vedere l’esempio dei comuni vicini di Boscotrecase, Trecase e Pompei.

Questa nostra presa di posizione fu condivisa qualche anno fa da alcuni consiglieri presenti in aula che invitiamo vivamente a fare battaglia comune unitamente ai sottoscritti. Una battaglia che possa portare definitivamente sindaco, presidente del consiglio ed in primis la commissione elettorale ad attenersi a un principio di giustizia, equità e di alternanza, adottando misure di trasparenza e democrazia a tutela della rappresentanza dell’intero Consiglio Comunale e dei cittadini di Boscoreale di cui anche noi ne abbiamo una nutrita rappresentanza ed alla quale dobbiamo delle risposte.

E’ l’unica modalità quella del sorteggio che darà risposte e occasione a giovani studenti e disoccupati di essere garantiti e fare in modo di non assistere alla lettura del solito preconfezionato elenco di nomi indicati all’insegna del nepotismo e del favoritismo. Senza tener conto dei bisogni reali dei cittadini”.

La protesta è stata sostenuta a gran voce anche da un intervento da parte del consigliere di maggioranza Angelo Costabile.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

le parole del sindaco

Il consiglio comunale