Dopo quaranta giorni di attesa, Antonio Diplomatico ufficializza la giunta che guiderà il comune di Boscoreale.

Si tratta di Ida Trito, Gennaro Langella, Caterina Raiola Francesco D’aquino. A questi si aggiungerà, con il ruolo di vicesindaco, Francesco Faraone.

La giunta si metterà subito a lavoro, a partire dalla serata di venerdì 20 luglio, in cui ci sarà il primo consiglio comunale, anticipato di quattro giorni a causa di un’assenza improrogabile del sindaco Diplomatico. E’ stato lo stesso primo cittadino a sciogliere le riserve sulla carica di vicesindaco, affidata a Francesco Faraone: “In questi giorni in cui non ci sarò, era prioritario nominare questa carica, più di tutte e restare sempre aggiornato, nonostante la mia assenza”.

Il primo passo del nuovo consiglio comunale sarà quello dell’elaborazione del Piano Urbanistico Comunale, partendo da zero, visto l’annullamento di tutti gli atti precedenti voluto dal sindaco Diplomatico: “Già dalla prossima settimana saranno pronti gli atti per andare in giunta e adottare il Puc già predisposto cinque anni fa dal commissario straordinario, il prefetto Capomacchia. Intendiamo, quindi, ripartire da quel lavoro. Tengo molto a questo strumento urbanistico perché significa rimettere le basi per il futuro di Boscoreale”.

Le deleghe. “Al momento - ha spiegato il sindaco - ho solo nominato gli assessori, conferendo la delega di vicesindaco a Francesco Faraone e riservandomi, successivamente, di affidare le deleghe ai singoli assessori, anche perché intendo conoscere bene ognuno di loro, comprendere quali sono le loro attitudini e competenze. Faccio un esempio per tutti, Francesco D’Aquino è un maratoneta, e quindi uno sportivo, e perciò cercherò di impegnarlo con la delega allo sport avendo egli una specifica competenza. Terrò sicuramente per me le deleghe al personale e alla polizia municipale”.

Ipotesi turnover. Nel merito della scelta degli assessori, il sindaco ha chiarito “Le liste che mi hanno sostenuto in campagna elettorale sono state ben nove, e quindi non ho potuto accontentare tutti, pertanto si è giunto a una sorta di temporaneità, con una rotazione nel corso della consiliatura. Ho chiesto ai partiti di comunicarmi i nomi, mi sono attenuto alle loro indicazioni senza interferire per niente. Tuttavia, come peraltro abbiamo concordato nel patto preelettorale, se gli assessori indicati non si dimostreranno capaci non avrò alcuna remora a chiederne la sostituzione”.

Situazione debitoria. Nel corso della conferenza stampa il sindaco Diplomatico ha poi spaziato su varie tematiche, partendo dalla situazione debitoria dell’Ente evidenziando che “Sono in corso alcuni contenziosi consistenti, uno di questi per una richiesta di circa 44milioni di euro risalente a lavori effettuati al piano Napoli circa trent’anni fa. Soccombere in un contenzioso simile significherebbe far scomparire Boscoreale come comune. Non ci siamo persi d’animo e questo problema, unitamente a tanti altri, lo stiamo affrontano con impegno e coraggio”.

L’ipotesi corpo unico di polizia municipale. Ha poi annunciato che “Sono in corso contatti con i sindaci di Boscotrecase e Terzigno per superare l’emergenza carenza d’organico del corpo della polizia municipale. Ho idea di convenzionarmi con uno di questi comuni per creare un unico corpo che consenta di superare la mancanza nel nostro organico del comandante”.

La manutenzione stradale. Ha inoltre affrontato la problematica della manutenzione di strade ed edifici pubblici informando che “Ho composto una piccola squadra di manutenzione per le urgenze che sarà alle mie dirette dipendenze per risolvere rapidamente i piccoli quotidiani problemi e le emergenze che si verificano lungo le strade, gli uffici pubblici e le scuole”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"