I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata - diretti dal tenente colonnello Leonardo Acquaro - hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di 3 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione di armi e munizionamento da guerra e violazione degli obblighi della sorveglianza speciale.

L’attività investigativa, condotta dal Nucleo Investigativo di Torre Annunziata e coordinata dalla locale Procura della Repubblica, è stata avviata nel mese di dicembre 2016 quando, nel corso di un’operazione di polizia giudiziaria, furono rinvenuti un fucile mitragliatore kalashnikov e un ingente quantitativo di munizioni da guerra in un terreno incolto di via Sepolcri a Boscotrecase, storica roccaforte del clan Gallo – Limelli - Vangone, a poca distanza dall’abitazione di Andrea Vangone, nella foto, attuale reggente del sodalizio camorristico.

Le indagini successive hanno dunque permesso di accertare che le armi fossero riconducibili a Bernardo Fattorusso e Fabio Carpentieri, contigui al clan, che al momento del controllo dei Carabinieri erano presenti nell’abitazione di Andrea Vangone insieme a quest’ultimo. I 3, immediatamente prima dell’arrivo dei Carabinieri, si erano disfatti frettolosamente delle armi, poi rinvenute.

Ad aggravare la posizione di Andrea Vangone e Fabio Carpentieri, la circostanza che entrambi, all’epoca dei fatti, erano sottoposti alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale.

vai alle foto