“Ho avuto modo di registrare il grido di dolore dei nostri cittadini che si vedono privati di un’altra struttura importante sul territorio. Capisco l’idea messa in campo dalla Regione ma, credo, era opportuno concordare le scelte con i rappresentanti del territorio”. A nulla possono le parole – in questo caso – del sindaco di Trecase, Raffaele De Luca, l’allarme dei sindacati confederali, o di qualche amministratore locale. La scelta di chiudere ostetricia e ginecologia il 20 aprile è irrevocabile. Anzi, da oggi “non è permesso più alcun ricovero ordinario”.

A Torre Annunziata, il tavolo tecnico tra i sindaci del vesuviano ed il presidente della Commissione Sanità in regione Campania, Lello Topo, può solo ratificare “una scelta già presa dal commissario Polimeni”. Ma i sindacati non ci stanno ed annunciano battaglia, forti delle oltre 5 mila firme raccolte fino adesso per evitare la chiusura della maternità al Sant’Anna-Madonna della Neve. “La nostra preoccupazione – accusano – è che ci sia un interesse che va verso il privato piuttosto che il pubblico. Non si è anticipato nulla alla popolazione sull’imminente chiusura, per questo chiediamo una proroga di 6 mesi o un anno”. Inoltre, l’idea: “In questo lasso di tempo, con un primario che si dedica alla struttura, possiamo portare il livello nascite oltre quello minimo richiesto dalla legge”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai al video

scotto su ospedale

La manifestazione

Da Trecase 500 firme contro la chiusura

La manifestazione

Il dibattito PD

Il summit

Un presidio a Torre

Il sit-in

Langella: 'Gestione deludente'

Il 'piccolo miracolo'

La raccolta firme

Chiude la maternità