“Temiamo che l’ospedale di Boscotrecase sia come un vaso di coccio nelle scelte politiche sanitarie regionali che spingono risorse finanziarie verso i capoluoghi di provincia”.

L’allarme è del comitato per la salute pubblica della zona vesuviana che ha programmato un nuovo incontro per martedì 13 ottobre alle ore 17.30 ai Salesiani di Torre Annunziata.

La riunione per esprimere nuove preoccupazioni legate al presidio sanitario vesuviano: “Nonostante i proclami – ha spiegato il comitato - è già in corso una dismissione di reparti che, passata l'emergenza covid, coinvolgerà probabilmente anche mezzi e personale sanitario rilegando nuovamente il Sant'Anna ad essere una struttura ospedaliera poco affidabile”.

L'assenza di un servizio di pronto soccorso insieme a strutture ginecologiche più efficienti continua a destare grave disagio tra la popolazione. Ecco perché il comitato “pretende che le direttive ministeriali che spingono per strutture di prossimità non vengano delegate alla sanità privata ma che trovino concretezza anche nella riqualificazione dell'ex ospedale di torre annunziata e nel potenziamento di quello di Boscotrecase”.