Pareva che la frattura fosse insanabile, nonostante il contributo comunque fornito a luglio, al momento del perfezionamento dell’iscrizione al campionato. Il cambio di guida tecnica, poi, con Di Maio subentrato a Pepe, sembrava rappresentare un’ulteriore conferma in tal senso, considerato il forte legame con il tecnico ex Sapri. Ed invece Vincenzo Calce è tornato a contribuire, a pieno titolo, alla causa corallina. La sua presenza in tribuna in occasione dell’esordio interno contro il Torrecuso aveva suggerito un riavvicinamento tra le parti, senza però che maturasse alcuna conferma. Conferma che adesso arriva dallo stesso Calce. Di nuovo al fianco del presidente Giugliano e del diesse Vitaglione, dunque. “In estate ho avuto necessità di allontanarmi per riflettere su alcuni aspetti – spiega Enzo Calce – ma non ho mai smesso di seguire, con interesse e trasporto, la Turris. Il perché di questo ritorno a pieno regime? Avevo lasciato il discorso in sospeso ed ho tutta l’intenzione di portarlo avanti, concentrandomi nello specifico sul piano dell’organizzazione. Ovvio che, qualora si dessero le opportune condizioni, potrei favorire anche un allargamento della compagine societaria. La Turris è una realtà di assoluto prestigio e credo vada fatto il possibile per valorizzarla ulteriormente”.

Foto Salvatore Varo


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"