Cinque ragazzi arrestati, uno dei quali è minorenne.

E’ il bilancio – in aggiornamento – della notte di follia avvenuta a Castellammare di Stabia. Giovanni Ballarò, un carabiniere originario di Messina ma in servizio alla stazione di Gragnano, è stato investito e aggredito con caschi e tavolini di un locale per aver cercato di fare il suo dovere.

L’appuntato era fuori servizio: aveva approfittato della serata per passare un po’ di tempo in compagnia della moglie e di alcuni parenti. Poi la follia ha preso il sopravvento e si è scagliata contro di lui.

Una follia che ha nomi e volti. Si tratta di Giovanni Salvato, Ferdinando Imparato, Pio Lucarelli e un ragazzo minorenne, di soli 17 anni. Oltre a loro, è stato arrestato anche Manuel Spagnuolo: l’uomo accusato di aver rubato il borsello del carabiniere pestato mentre era a terra sanguinante e privo di sensi.

Le indagini dei carabinieri continuano a 360 gradi. Grazie all’analisi dei sistemi di videosorveglianza e alle ricostruzioni testimoniali, è stata individuata una parte del gruppo di aggressori, che, irritati dall’intervento del militare, lo hanno colpito sino a lasciarlo a terra privo di coscienza. I Carabinieri hanno documentato, inoltre, il furto del borsello del militare. Il responsabile, riconosciuto e sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso degli effetti personali del militare e conseguentemente arrestato.

Gli arresti

I fermi

Le immagini

Le reazioni politiche

Il commento del sindaco

Violenza inaudita