Carcasse di eternit e pneumatici lasciati a marcire in un deposito.

Denunciate due persone a Poggiomarino, per aver gestito in modo incontrollato un deposito di rifiuti speciali pericolosi. Pneumatici, eternit e altro erano stati bruciati parzialmente in un’area di circa 50 metri quadrati, di loro proprietà. La scoperta dei carabinieri ha messo la parola fine a questo scempio.

Denunciato anche un 61enne del posto: trovato fuori casa nonostante fosse agli arresti domiciliari.