Carmine Franco è stato condannato a 2 anni e 3 mesi nel processo, con rito abbreviato, nei confronti di otto imputati tra cui figurano i vertici dell’Alma Spa.

L’ex presidente del Gragnano, che fu anche vicino a rilevare il Savoia nel 2017 (si presentò anche in maniera trionfale al Giraud pur non avendo mai firmato nulla), era stato coinvolto nell’inchiesta della procura partenopea nel marzo del 2019 su una presunta maxi evasione fiscale da circa 70 milioni di euro.

Il gup di Napoli Anna Tirone ha condannato l'amministratore della Alma Francesco Barbarino a 3 anni, 10 mesi e 10 giorni (pm chiese 10 anni e 8 mesi); l'imprenditore Luigi Scavone, ex poliziotto e patron del gruppo, a 3 anni e 10 mesi (per lui il pm aveva chiesto 12 anni e 2 mesi); Stefano Paloni a un anno; Marco Erhard a un anno e 10 giorni; l'imprenditore Edoardo Rinaldi a un anno e 8 mesi; il commercialista Pietro Di Monda a un anno e 8 mesi; il rappresentante legale della Alma spa Francesco Marconi a un anno e 10 giorni e come detto l’ex presidente del Gragnano Carmine Franco a due anni e tre mesi.

Foto Nunzio Iovene Il Cigno @rt