Cercheremo le falle presenti nei dossier di questo progetto e, dalla settimana prossima, aggiornerò la città sulle eventuali evoluzioni”. Sono le parole dell’onorevole pentastellato Luigi Gallo, eletto alle scorse elezioni nel collegio di Torre Annunziata, presente alla manifestazione organizzata dal Comitato Salera per protestare contro l’installazione di due nuove cisterne all’interno dell’area portuale di Torre Annunziata. ““Ci stiamo occupando del tema delle cisterne dallo scorso anno, quando in Parlamento eravamo minoranza. Adesso siamo al Governo e abbiamo il ministro dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico (Sergio Costa e Luigi Di Maio, ndr) che affronteranno questo argomento e potranno intervenire. Basta che ci sia una sola falla nella documentazione e bloccheremo questi lavori”.

Insieme all’onorevole Luigi Gallo anche la senatrice Virginia La Mura, eletta nel collegio torrese. “Dobbiamo cercare la verità su questa vicenda: il problema delle cisterne esiste anche a Napoli e stiamo cercando di realizzare, proprio con Napoli, un progetto comune. Solo con i cittadini possiamo stimolare le istituzioni a fare bene il loro lavoro, i cittadini sono gli unici che il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ascolterà. Va fatta mobilitazione dal basso. Lavoreremo affinché siano eliminata anche le altre cisterne”.

Alla manifestazione erano presenti le associazioni: Insieme Per Torre, il Comitato Rovigliano e il Comitato Vallone Provolera. A manifestare le loro preoccupazioni ed il loro disappunto anche alcuni cittadini. “Per il benessere di Torre Annunziata va implementato il turismo, non va fatto questo scempio che ha un impatto negativo dal punto di vista ambientale. Questi serbatoi non porteranno benessere” urlano i manifestanti “Ci sono ancora persone che ignorano la vicenda. E’ assurdo che i cittadini ignorino una vicenda del genere. Il Signore ci ha donato questa bellezza, è un peccato sprecarla per dei depositi di carburante”.

vai alle foto

vai al video

l'incontro tematico organizzato da "Libera"

il corteo contro le cisterne

la protesta