"Il coraggio di dire no alla camorra e la consapevolezza che solo con il lavoro collettivo di tutti gli stabiesi ce la possiamo fare. Io questo ‘no’ lo assumo come condizione indispensabile per me e per tutti quelli che intendono fare questa battaglia al mio fianco".

Questo l'impegno assunto dal candidato a sindaco per la città di Castellammare di Stabia alle prossime elezioni del 10 giugno Andrea Di Martino in risposta al documento della comunità ecclesiale.

"Ho letto attentamente il documento dei sacerdoti di Castellammare – ha continuato Di Martino - che ringrazio per l'importante contributo dato a nome dei credenti stabiesi la cui partecipazione alla vita pubblica ritengo essenziale. Io ho detto sin dall'inizio che sarò libero da ogni tipo di condizionamento e all'ascolto di proposte e idee per la città. Ribadendo questo impegno, aggiungo che la Chiesa stabiese è stata troppo spesso lasciata sola nel compito difficile di aiutare chi è in difficoltà e nel recupero dei giovani a rischio. Nella mia idea di Castellammare solidale – ha concluso - c'è la consapevolezza che il comune deve fare la sua parte ed essere il principale alleato della Chiesa nell'offrire agli stabiesi il sostegno necessario e restituire ai giovani la speranza nel futuro".