Funivia ferma e bloccata nel vuoto. Minuti di panico a Castellammare dove una trentina di passeggeri sono stati bloccati all’interno della “panarella” che dal Monte Faito scende nella cittadina stabiese.

Passeggeri che aspettavano di sapere cosa stia accadendo e il motivo dello stop dopo più di un'ora di attesa. A saltare sarebbe stata la cabina elettrica e quindi i tecnici sono al lavoro per ripristinare il servizio con un gruppo elettrogeno. Preoccupazione tra i passeggeri dell'ultima corsa prevista per la prima domenica di luglio, che hanno chiamato i carabinieri. Ma nessuna informazione ufficiale hanno ricevuto sul motivo del blocco.

"Sotto abbiamo il burrone" spiega una viaggiatrice stabiese. Non si tratterebbe comunque di un guasto serio legato a problemi strutturali, anche se l'attesa sta generando ansia tra tutti. Al momento l'Eav non dà notizie su quanto ci vorrà per riprendere il viaggio verso Castellammare.

"Oggi vi è stato un problema di alimentazione alla funivia del Faito intorno alle 18. Uno sbalzo della tensione elettrica dalla rete ha provocato l'attivazione dei sistemi di sicurezza che hanno bloccato l'impianto. Un gruppo elettrogeno che alimenta il motore di recupero per la cabina ha consentito la manovra. In meno di un'ora il problema è stato risolto. Le persone rimaste a bordo della funivia a 250 metri dalla stazione superiore sono scese quindi regolarmente con la funivia stessa. Tutto con tranquillità e con grande professionalità da parte degli addetti al servizio della funivia. A bordo della cabina vi era come sempre un addetto al servizio". E' quanto sottolinea l'Eav in merito al blocco della funivia Faito che si è verificato questo pomeriggio nel Napoletano. "È la seconda volta negli ultimi trent'anni che si verifica un episodio del genere. Può succedere ed il sistema ha funzionato perfettamente per gestire l'emergenza. Domani la funivia resterà chiusa per fare tutti i controlli opportuni e ci auguriamo che martedì ritornerà regolarmente in funzione".