E' fallita la marcia anticamorra che era stata organizzata a Castellammare di Stabia nel rione del falò anti pentiti.

A presenziare all’evento, oltre il sindaco stabiese Gaetano Cimmino, c’erano alcuni rappresentanti politici, giornalisti e forze dell'ordine con una massiccia presenza.

Al Rione Savorito, dove nella notte dell'Immacolata un falò bruciò un manichino mentre uno striscione auspicava che i pentiti fossero bruciati, solo indifferenza per l'iniziativa organizzata da Nino Di Maio, un cittadino che si batte per i diritti dei disabili.

In piazza non c’erano nemmeno i residenti. Qualcuno ha seguito il presidio dalle finestre: il raduno si è sciolto dopo qualche ora. Il corteo previsto non c'è stato più.