Non usano mezzi termini le opposizioni presenti in Consiglio Comunale a Castellammare di Stabia per definire la manifestazione d’interesse indetta dall’amministratore unico della Sint, Biagio Vanacore.

Il bando prevede che chi vorrà gestire il parco idropinico delle Nuove Terme per i prossimi tre anni dovrà garantire servizi di “caffetteria e ristorazione, turistico e ludico, promozione del sito come location per eventi anche non culturali, informazione e assistenza”.

“Si continua senza un progetto e senza una linea chiara. Quel  Bando - denunciano le forze di opposizione - ed ogni ulteriore azione tesa alla vendita di parti del complesso immobiliare termale, inteso come un insieme di beni con destinazioni urbanistiche diverse ma con l'unica finalità di sostenere e favorire il disegno strategico che ruota intorno alle Terme ed attività collaterali rappresenta una pietra tombale sul termalismo in città. Ci aspettiamo, ora, un atto di responsabilità seria che per noi vuol dire il ritiro di un bando che non ha nulla di trasparente. Un provvedimento senza testa ne coda. Frutto di una visione dove a farla da sovrana sono confusione e incertezza. Le stesse che stanno caratterizzando tutta la questione termalismo in città. Nelle prossime ore - concludono le opposizioni - ci incontreremo per convocare ad horas  un incontro con lavoratori e le forze sociali”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"