Ha rubato il telefonino alla sua vittima. Poi non contento, l'ha scaraventato fuori dalla sua auto dandosi alla fuga.

E' stato rintracciato e arrestato nella tarda serata di giovedì 30 gennaio Mirko Calabrese, 33enne di Castellammare di Stabia e già noto alle forze dell'Ordine, ritenuto responsabile del reato di rapina aggravata.

L'uomo, poche ore prima, si trovava in via San Michele a Pompei: dopo essersi introdotto in un'autovettura con a bordo una giovane donna, in quel momento ferma ad attendere la madre. Con violenza l'uomo si è prima seduto al lato guida e successivamente si è impossessato del suo cellulare. Non contento, ha aperto lo sportello lato passeggeri e, con l'auto in movimento, ha sottratto l'auto alla donna spingendo fuori dall'abitacolo la vittima.

Dopo alcune ore di indagini curate dal commissariato di polizia di Castellammare di Stabia, il malvivente è stato rintracciato, anche grazie al sistema di localizzazione di cui l'auto era dotata. Sorpreso a un posto di blocco degli agenti, l'uomo ha tentato inutilmente la fuga a piedi.

A seguito di ulteriori accertamenti, si è appreso che Calabrese era in regime di semilibertà dal 9 gennaio, ma non aveva fatto rientro presso il carcere di Salerno.

(foto: repertorio)