Tantissime persone hanno partecipato al flashmob #noisiamodipiù a Castellammare. L’evento è stato organizzato da don Salvatore Abagnale, dopo l’aggressione subita dal carabiniere Giovanni Ballarò una settimana fa, e ha visto la partecipazione del vescovo Monsignor Francesco Alfano, del sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia, del sindaco Gaetano Cimmino e degli altri primi cittadini della zona. Da Torre Annunziata, al posto di Vincenzo Ascione, è intervenuto l’assessore Gecchi Langella.

Così ha parlato don Salvatore Abagnale. "Noi siamo di più non è una separazione. Siamo di più perché la città di Castellammare è di più. Anche quei ragazzi sono di più di quello che hanno dimostrato. Valgono di più, glielo dobbiamo dire”.

Queste, invece le parole del sindaco di Castellammare Gaetano Cimmino. “Una manifestazione riuscita. E’ uscito fuori un messaggio: più uniti, più forti. I sindaci, il Governo, le parrocchie, le associazioni e le forze dell’ordine. Questa è la Castellammare che vuole riscatto e che è in cerca dei veri valori di questa città”.

Durante la manifestazione alla Cassa Armonica è giunto anche un messaggio da parte dello stesso Giovanni Ballarò che ha affermato. “Lo farei altre cento volte. Non vedo l’ora di tornare in servizio”.

vai alle foto

vai al video