30 giugno 2018. Si potrebbe partire da questa data. Stadio Olimpico di Sochi. Portogallo ed Uruguay in campo alla conquista di un posto ai quarti del mondiale russo. La supersfida tra Ronaldo e Cavani la vince il Matador con una doppietta decisiva nel 2-1 finale. C'è però un momento in cui il tempo si ferma: minuto 25 della ripresa, noie muscolari per Cavani che lo costringono a dare forfait. Stadio ammutolito, poi un lungo applauso per lo splendido gesto di CR7 che “scorta” il suo rivale a bordo campo.

Ecco, è proprio questa l'istantanea che potrebbe rendere ancor più ricca la corrente sessione di mercato. Un folle sogno di mezza estate. O almeno un altro folle sogno, perché il primo lo hanno già reso possibile a Torino e dintorni: Ronaldo alla Juve, l'extraterrestre di Madeira col grande feeling con la coppa dalle grandi orecchie (già cinque le Champions portate a casa, ndr).

Il colpo del secolo ha scatenato un effetto domino che ha coinvolto tutte le altre pretendenti allo scudetto. A Napoli, ma in particolar modo a Dimaro-Folgarida, sede del ritiro azzurro, si è passati dai sussurri alle richieste a gran voce: tutti, ma proprio tutti, vogliono il ritorno del Matador Cavani. De Laurentiis, già interpellato sulla questione durante la conferenza-presentazione di Ancelotti, si è già espresso senza però chiudere la porta: "Edi guadagna 20 milioni ogni dieci mesi. Cavani ha il mio numero, se vuole mi chiama e si riduce lo stipendio e poi mi fa parlare con il Psg. So che vorrebbe tornare, ma quando è andato via per guadagnare il triplo non si è fatto scrupoli”.

Bastone e carota, questa la strategia adottata dal patron che non ha mai digerito fino in fondo la scelta del Matador di preferire Parigi a Napoli in cambio di un assegno con tanti zeri. Rancori che però, con buona pace di tutti, possono essere messi definitivamente da parte qualora emergesse una volontà comune. Un passo, l’uno verso l’altro, per provare a riscrivere la sceneggiatura di un film che, per tre anni, ha convinto proprio tutti, dal pubblico alla critica. Nelle ultime ore si racconta di un possibile riavvicinamento: non è un segreto che il Psg ha bisogno di vendere anche e soprattutto per ragioni di bilancio ed il ruolo da ‘terza donna’ a Cavani sta più che stretto considerando la concorrenza dei fenomeni Neymar e Mbappè, quest’ultimo fresco campione del mondo.

 

A cura di Francesco Auricchio


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"