Azioni mirate e coordinate per rispondere alla recrudescenza della criminalità, che negli ultimi tempi ha macchiato di sangue la città. E una decisa accelerata per iniziare il recupero di Palazzo Fienga. Da roccaforte della camorra a presidio della legalità.

È quanto emerso oggi a Torre Annunziata nel corso della riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduta dal prefetto di Napoli, Marco Valentini, alla presenza del procuratore di Napoli Dda Giovanni Melillo, del procuratore di Torre Annunziata Nunzio Fragliasso, dei procuratori aggiunti Rosa Volpe e Pierpaolo Filippelli, dei vertici provinciali delle forze dell'ordine, del capocentro Dia facente funzioni e del sindaco di Torre Annunziata.

Un incontro che segue quelli avuti il 30 settembre, 3 dicembre e 4 febbraio scorsi, in cui ci sono stati degli approfondimenti specifici su Torre Annunziata e le sue escalation di violenza.

Dopo la riunione è stato effettuato, inoltre un aggiornamento sul progetto per il recupero e la rifunzionalizzazione di Palazzo Fienga, immobile confiscato alla criminalità organizzata che verrà adibito a polo per le forze dell'ordine, dove saranno ubicati la nuova sede del commissariato di polizia, alloggi di servizio dei carabinieri e della Guardia di Finanza, uffici di polizia giudiziaria, della polizia metropolitana e di quella locale di Torre Annunziata.

vai al video

il fatto

la discussione

L'incontro