"Siamo ad un passo dalla guerra nucleare", a dichiararlo è il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Facebook.

"Dal 24 febbraio c'è stata un'evoluzione sempre più drammatica della guerra in Ucraina - ha sottolineato - abbiamo detto con chiarezza delle grandi responsabilità della Russia nell'aggressione, abbiamo sostenuto l'Ucraina a difendersi dall'aggressione russa. Negli ultimi giorni c'è stata una evoluzione e drammatizzazione inimmaginabile nella guerra in Ucraina. La Russia ha proceduto all'annessione di 4 regioni dell'Ucraina ma soprattutto è iniziata a circolare in maniera preoccupante l'uso delle armi nucleari. Questi due elementi determinano una svolta profondamente diversa e ci obbligano a prendere iniziative di massa a sostegno della pace".

"E' dovere di governi e partiti dire al popolo italiano qual è l'obiettivo che stiamo perseguendo. Se l'obiettivo è la vittoria militare dell'Ucraina bisogna dirlo. Dobbiamo dire che siamo in guerra se l'obiettivo è la vittoria militare dell'Ucraina - ha ribadito - non possiamo vivere in una economia di guerra senza dirlo in maniera esplicita".

A fine mese prevista a Napoli una grande manifestazione di pace che coinvolgerà mondo volontariato, scuola, cultura e singole personalità. L'iniziativa è stata promossa dalla Regione Campania con l'obiettivo di sensibilizzare le persone sul conflitto in atto.

"Abbiamo avviato una mobilitazione che dovrà concludersi con una grande manifestazione a Napoli che vedrà il coinvolgimento del volontariato, della scuola, dell'università, della cultura e di singole personalità interessate a far cresce un movimento per la pace nel nostro Paese", ha chiarito in diretta Fb. Previsto per la giornata di domani un incontro preparatorio in vista della manifestazione, a cui parteciperà anche il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"