Ci ha pensato  il Sindaco di San Giorgio a Cremano  Giorgio Zinno a rimettere a posto le cose  inviando alla   giovane studentessa cinese,   vittima di un  comportamento  di emarginazione tenuto da  alcuni ragazzini in strada e  alcune mamme  all'interno di una palestra sangiorgese , un affettuoso  messaggio  che condanna  lo sciocco gesto  .

“D’accordo con i referenti nazionali di Intercultura con cui ci siamo confrontati unicamente per il bene della giovane, - ha fatto sapere il Sindaco Giorgio Zinno -  abbiamo deciso di lasciare che la piccola continui in serenità la sua permanenza nella nostra città e svolga le sue attività quotidiane come ha sempre fatto evitando sovraesposizione mediatica.  San Giorgio a Cremano è la città dell'accoglienza e sempre lo sarà. Pertanto, confermo  la condanna per il gesto di emarginazione compiuto da qualche sciocco”.  

Come è noto la ragazza si trova in città  nell’ambito del programma di scambio culturale  tra la Cina e l’Italia fin dal mese di settembre  ospite di una famiglia sangiorgese . Per strada e nella palestra che frequenta  aveva  subito l’atteggiamento   di alcuni ragazzini e alcune mamme  che, vedendo la giovane, si sarebbero allontanate da lei facendo il segno di coprirsi naso e bocca.  

La diciassettenne studentessa   già provata  dal fatto che la propria famiglia ed il proprio paese si trovano in  questi giorni in condizioni difficili per lo scoppio dell'epidemia  è  rimasta profondamente colpita da questo comportamento di emarginazione. Gli episodi  accaduti  non  oscurano però  la bella immagine della città di San Giorgio  che si vanta  a giusta ragione essere la città dell'accoglienza ricca di  intelligenze, cultura e ospitalità. La stessa ragazza  ha fatto sapere di avere ricevuto tante manifestazioni di affetto e simpatia dalla comunità locale.  

Valgono le parole della donna che ospita la diciassettenne cinese  :  “Esortate i vostri figli a  sorriderle e a noni allontanarsi perché lei è un arricchimento per la nostra piccola comunità” . Intercultura , che segue  i programmi di scambio culturale,  ha  ringraziato tutti quanti hanno espresso solidarietà alla studentessa  e ha fatto sapere:  "L’affetto espresso dalle istituzioni, in particolare dal Sindaco, dalla scuola che frequenta, dai media e da tanti cittadini di San Giorgio a Cremano testimonia come gli episodi segnalati siano attribuibili solo a una piccola minoranza”.