Secondo caso accertato di positività da Coronavirus a Gragnano.

Si tratta di una donna, medico neurologo di 60 anni e che lavora presso gli uffici Asl di via Fusco a Torre Annunziata. Da circa una settimana la dottoressa non lavora, accusando alcuni sintomi riconducibili al virus Covid-19. Domenica scorsa le è stato effettuato il tampone presso il suo domicilio, fino alla conferma arrivata all’alba di questa mattina.

La dottoressa Peluso, direttrice del presidio di via Fusco, ha riferito che nei giorni scorsi è stata fatta la sanificazione degli uffici e che ha “provveduto a proprie spese alla distribuzione di dispositivi di protezione e di erogatori di disinfettanti da mettere a disposizione dell’utenza e allo stato attuale sono aperti al pubblico”.

Stessa preoccupazione espressa anche dal personale sanitario che lavora in quel presidio. Sebbene la donna non andasse al lavoro da una settimana, è stata in contatto con numerose persone, praticando anche attività ambulatoriale a domicilio nei comuni del vesuviano.

Il sindaco di Gragnano Paolo Cimmino ha invitato nuovamente la cittadinanza a "rispettare con rigore le disposizioni di legge e quelle che impartirò, invitandovi a rispettare il divieto di uscire dalle abitazioni se non per necessità e per il tempo strettamente necessario. Ho richiesto e sollecitato le Forze dell'ordine, a cui rinnovo il mio ringraziamento per l'opera alacremente svolta, controlli ancora più stringenti e severi, perché dobbiamo capire, tutti, che soltanto rispettando il divieto di assembramento ed il distanziamento sociale possiamo contenere l'espansione del virus. Diamoci tutti una mano".

 

 

 

il primo caso