Salgono a sette i cittadini, che sono rientrati a Trecase dalle zone rosse del Coronavirus. Ad affermarlo è il Centro operativo Comunale di via Sciesa, che sta lavorando senza sosta dalla scorsa settimana.

Dopo i tre che si sono autodenunciati ieri, altre quattro sono state contattate e messe in isolamento, come prevede il nuovo decreto del governatore De Luca. Al momento nessuno di loro presenta sintomi. A tutti è stato ribadito che la inosservanza delle disposizioni comporta sanzioni di natura penale.

Sono state, anche, contattate telefonicamente tutte le famiglie che si trovano in “quarantena domiciliare” disposta dal Dipartimento di Prevenzione dell’Asl Napoli 3, i cui componenti affermano di essere in buone condizioni.

Le condizioni di salute della concittadina attualmente ricoverata presso l’Ospedale “Cotugno” di Napoli restano stazionarie. 

Il sindaco Raffaele De Luca ha così dichiarato: “Siamo costantemente al fianco dei nostri concittadini. Il C.O.C. si è attivato anche per sollecitare i competenti uffici del Distretto sanitario dell’Asl Napoli 3 Sud per l’effettuazione di un prelievo di sangue a carico di una signora in quarantena”.

Presente al C.O.C. anche l’assessore alle attività produttive, Salvatore Napodano, il quale ha sollecitato gli esercenti commerciali del territorio al rispetto delle misure precauzionali diramate e afferma: “Insieme al Sindaco ci stiamo attivando per verificare insieme alle autorità regionali e nazionali la possibilità di un ristoro economico per le attività commerciali della zona” 

In giornata è stato affisso un manifesto esplicativo delle distanze da rispettare, appositamente ideato e realizzato per il Comune di Trecase dall’architetto Mariateresa Giammetti.