Altri due contagi da coronavirus a Gragnano e 130 persone in isolamento fiduciario.

Nel giro di un fine settimana il paese alle falde dei Monti Lattari piomba nuovamente nell’incubo covid-19 e continua a registrare pazienti positivi.

Qualche giorno fa i primi 4 pazienti, nella giornata di ieri la certificazione di altri 3 positivi. Poi, nella tarda serata, la comunicazione su altre 2 persone affette da coronavirus. L'allerta resta alta, specie per i contagi collegati ai focolai di Sant'Antonio Abate e i rientri dall’Estero. Sono infatti 8 i positivi accertati sul territorio, 7 provenienti dal cluster locale e 2 casi di rientro da paesi esteri.

Secondo quanto confermato dall'amministrazione comunale, sono 130 i pazienti in isolamento fiduciario, di cui la maggior parte riconducibili al focolaio abatese e l'altra parte a soggetti rientranti dall'estero. Nel frattempo, è stata disposta la sanificazione degli edifici di dimora dei soggetti risultati positivi, oltra alla raccolta dei rifiuti solidi urbani dei nuclei di cui almeno un componente sia risultato positivo.

Lo scenario possibile, caldeggiato anche da alcuni membri del consiglio comunale, parla di colloqui serrati con il sindaco Paolo Cimmino per effettuare uno screening a tappeto della popolazione di Gragnano, così come recentemente avvenuto a Sant’Antonio Abate.

In tal caso occorre una richiesta ufficiale da parte del comune con la relativa comunicazione della disponibilità di spazi necessari per provvedere allo screening.

la situazione

L'aggiornamento

La situazione