Una sala per ‘riabbracciare’ i propri cari e l’inizio della cura covid con gli anticorpi monoclonali. Il Covid Hospital di Boscotrecase questa mattina ha inaugurato la sala per la cura con il metodo monoclonale e l’Isola che non c’è..ra’, un ‘tassello per l’umanizzazione della cura dal virus’. “E’ un ulteriore tassello per favorire la guarigione dei malati covid – commenta Savio Marziani Direttore del Covid Hospital di Boscotrecase – La cura monoclonale prevede un doppio percorso, uno ospedaliero ed uno domiciliare gestito dal dottore Rucchetti in telemedicina”.

La stanza ospiterà un massimo di 4 degenti e sarà aperta il martedì e il giovedì dalle 8 alle 14. Ma al Covid Hospital di Boscotrecase si è cercato un modo per alleviare ancora di più le sofferenze dei pazienti, facendo sentire in qualche modo vicina la presenza dei familiari. Ed è così che è stata allestita la stanza degli abbracci: “Grazie per l’impegno nella cura del paziente della squadra di Boscotrecase – dice Gennaro Sosto – che oggi aggiunge un altro tassello quello dell’umanizzazione della cura. E’ un momento importante perché questi sono pazienti particolari, strappati ai loro cari e curati per un virus di cui non abbiamo molte notizie. Questo vuole rappresentare un simbolo, un modo diverso per curare i pazienti covid”. Così i degenti del nosocomio boschese potranno incontrare i propri cari, seppur divisi da una parete in plexiglass. Le entrate saranno controllate dai volontari dell'Avo, che avranno il compito di organizzare gli orari delle visite.

vai alle foto

vai al video