Dati in chiaroscuro sul fronte Covid in Campania. Nel bollettino di oggi cala l'incidenza nonostante il ridotto numero di tamponi domenicali, si allenta la pressione sugli ospedali ma per il secondo giorno consecutivo si contano 11 nuove vittime, di cui ben nove nelle ultime 48 ore e due risalenti ai giorni precedenti.

I contagi censiti nel bollettino dell'Unità di crisi sono 192 su 10.248 test: l'incidenza è dell'1,87%, contro il 2,18 del giorno precedente. L'occupazione delle terapie intensive scende a quota 28 (-3), quella delle degenze a 351 (-18).

Nel frattempo il ministro della Salute Roberto Speranza, nel corso della conferenza stampa a conclusione dei lavori del G20 Salute a Roma ha spiegato che “se abbiamo passato in Italia un agosto con restrizioni molto limitate ciò è avvenuto grazie ai vaccini. Quindi il mio messaggio è molto netto: il vaccino è la chiave per aprire la porta di una stagione diversa e quindi bisogna continuare a vaccinarsi".

Sul fronte nazionale, sono 3.361 i positivi ai test nelle ultime 24 ore. Ieri erano stati 5.315. Sono invece 52 le vittime in un giorno, tre in più di ieri. Dall'inizio della pandemia i casi sono 4.574.787, i morti 129.567. I dimessi e i guariti sono invece 4.309.200, con un incremento di 3.977 rispetto a ieri, mentre gli attuali positivi sono 136.020, con un decremento di 682 casi nelle ultime 24 ore.

Sono 134.393 i tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore. Ieri erano stati 259.756. Il tasso di positività è del 2,5%, rispetto al 2% di ieri. Sono 570 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, 2 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 32. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.302: si tratta di 96 persone in più rispetto a ieri.