Previsto aumento di posti letto  dedicati al covid- 19, negli ospedali campani.

L’obiettivo posto dall’Unità di Crisi, prevede tale ripartizione dei 1651 posti prefissati: all'Asl Napoli 1 ne sono previsti 222 (82 di terapia intensiva, 28 di sub intensiva, 112 di degenza), all'Asl Napoli 2 a 73 e all'Asl Napoli 3 a 143 posti letto.

Per l’Azienda Ospedaliera dei Colli, che comprende l'ospedale Cotugno, il Monaldi e il Cto, si prevede un numero di posti maggiori, nello specifico 263 posti letto di cui 28 di terapia intensiva, 38 di sub intensiva e 197 di degenza.

Mentre l'ospedale Cardarelli dovrà avere 95 posti letto covid con 60 degenze, 15 terapie intensive e 20 terapie sub intensive.

Spostandosi verso il Casertano, l’obiettivo prevede 140 posti letto nell'Asl di Caserta e 58 nell'Asl di Avellino, mentre sono 110 i posto previsti per l'Asl di Salerno.

A Salerno  invece, il Ruggi d'Aragona dovrà avere 165 posti letto (di cui 32 di terapia intensiva, 16 di sub intensiva e 117 di degenza), l'Azienda Ospedaliera San Pio di Benevento 89 posti (16 di terapia intensiva, 18 di su intensiva e 55 di degenza), il Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta 63 posti (24 intensive, 10 di sub-intensiva e 29 di degenza), il Moscati di Avellino 103 posti di cui 20 di intensiva e 52 di degenza.

Una piccola ma significativa quota, spetterà anche ai policlinici universitari: la Federico II di Napoli avrà 77 posti letto con 20 di terapia intensiva, 12 di sub-intensiva e 45 di degenza, mentre l'università Vanvitelli di Caserta dovrà avere 50 posti letto con 6 terapie intensive e 50 degenze.