Scuole aperte anche a Pompei: alunni in classe fino alla prima media. Continua la didattica a distanza, invece, per il secondo e il terzo anno della scuola secondaria di primo grado e per tutte le scuole secondarie di secondo grado. La refezione scolastica per la scuola dell’Infanzia, però, viene sospesa per evitare ulteriori occasioni di contagio.

Il comune mariano si adegua quindi alle disposizioni contenute nel decreto legge del 1 aprile 2021 e che prevede il ritorno in classe degli alunni compresi nella fascia d’età 0-11 anni. Nonostante la volontà dell’Amministrazione fosse orientata al mantenimento della didattica a distanza fino alla chiusura (circa 40 giorni) dell’anno scolastico, così come espressamente indicato nel DL, la disposizione del Governo però “non può essere derogata da ulteriori provvedimenti”.

“La deroga è consentita solo in casi di eccezionale e straordinaria necessità dovuta alla presenza di focolai o al rischio estremamente elevato di diffusione del virus SARS-CoV-2 o di sue varianti nella popolazione scolastica”. Condizioni che non sussistono nella città di Pompei.

In particolare e in riferimento alla platea scolastica compresa nella fascia d’età 0-11, nell’ultima settimana si sono verificati solo 7 casi tra gli 0 e 5 anni e zero casi tra i 6 e 10 anni. Inoltre, su tutto il territorio comunale, è stata registrata una flessione dei casi positivi a fronte di un incremento dei guariti che portano i casi attualmente positivi a 163 con un totale di 1832 guariti.

“L’andamento epidemiologico al momento è quindi incoraggiante – ha esordito il sindaco di Pompei Carmine Lo Sapio -. Segno che le precauzioni per il contenimento dei contagi finora adottate sono state efficaci. Ciò nonostante, proprio in vista della riapertura delle scuole, tali disposizioni vanno a maggior ragione rispettate in maniera precisa e puntuale”. Il primo cittadino ha aggiunto che la priorità oggi è la campagna vaccinale: “Per tutelare i nostri figli, invito quindi l’Asl a convocare quanto più personale scolastico possibile e invito quest’ultimo a vincere ogni sorta di ritrosia e vaccinarsi”.