"Io credo che sia sicuramente lecito aspettarsi delle riapertura per maggio ma verificheremo i dati giorno per giorno come è giusto". Lo ha detto a “Porta a Porta” il ministro della Salute Roberto Speranza.

"L'ipotesi di lavorare in modo particolare sull'aperto personalmente mi convince molto, poi dovremo naturalmente confrontarci, ma tutti i dati indicano - ha affermato - che all'aperto c'è una minore possibilità di contagio e quindi credo che la stagione che sta arrivando potrà aiutarci a recuperare alcune attività all'aperto. Abbiamo bisogno di essere prudenti - ha ribadito il ministro - ma la volontà di tutto il governo è di verificare settimana per settimana i dati del contagio e di costruire una modalità che ci consenta di far ripartire una serie di attività ma senza correre rischi. Anche le riaperture all'aperto – ha aggiunto – dipenderà dai dati ma l'ipotesi all'aperto mi convince molto e tutti i dati indicano che all'aperto c'è minore possibilità del contagio e la stagione ci aiuterà a recuperare alcune attività all'aperto".

Il ministro si è poi concesso sui vaccini Johnson & Johnson, allontanando le preoccupazioni dopo la sospensione negli Usa a seguito della segnalazioni di alcuni casi di eventi trombotici. “Abbiamo fatto oggi una riunione con i nostri scienziati e l'Aifa e siamo in collegamento con l'Ema: valuteremo nei prossimi giorni, appena Ema e gli Usa ci daranno notizie più definitive, quale sarà la strada migliore ma io penso che anche questo vaccino dovrà essere utilizzato perché un vaccino importante".

La promessa