Non si arresta la crescita dei contagi a Pompei.

Una situazione emergenziale in cui è necessario far rispettare le normative anti Covid e scongiurare possibili assembramenti nelle piazze, per le strade e all'esterno degli esercizi commerciali. Operazioni che il comandante Petrocelli, al momento, non può coordinare per sopraggiunti motivi di salute.  L’incarico è stato quindi affidato temporaneamente al dirigente del primo settore Eugenio Piscino.

Dalla serata di ieri, gli agenti della Polizia Locale sono impegnati in controlli ad ampio raggio su tutto il territorio che ha già dato i primi frutti. Sono state elevate le prime multe ai danni di persone che non indossavano le mascherine ed elevati alcuni verbali per infrazioni al codice della strada. I controlli a tappeto saranno incrementati nel fine settimana in particolar modo nelle aree in cui vengono segnalati gli assembramenti ad opera, soprattutto, da parte di giovani. Massima vigilanza anche per gli esercizi commerciali e le strade.

“Stiamo affrontando un momento particolarmente critico – ha spiegato il sindaco Carmine Lo Sapio - la curva dei contagi continua a salire e la città di Pompei sta pagando un prezzo molto alto in termini economici e di vite umane. Dobbiamo tutti fare la nostra parte per evitare che la situazione peggiori ulteriormente. Invito tutti i cittadini a rispettare le norme anticovid, ad usare le mascherine e ad uscire il meno possibile se non per questioni di massima urgenza. Evitiamo, soprattutto nel fine settimana di creare assembramenti. In attesa di ulteriori disposizioni governative noi faremo la nostra parte. Stiamo disponendo la sanificazione delle strade e degli spazi comunali e disponendo la messa in sicurezza degli uffici comunali con cui i cittadini interagiscono maggiormente e disponendo, laddove è possibile, l’informatizzazione della maggior parte dei servizi. La Polizia locale sta svolgendo un ruolo fondamentale. Abbiamo una squadra molto valida, rinvigorita soprattutto dalle nuove assunzioni. Il nostro comandante è temporaneamente impossibilitato a dirigere le operazioni di coordinamento necessarie. In attesa di una sua guarigione e sopperire alla sua mancanza, sono quindi stato costretto a nominare un nuovo dirigente che sono certo opererà con la stessa costanza e dedizione”.