È allarme variante Delta a Torre del Greco. Stando ai dati forniti dall'Asl Napoli 3 Sud e relativi alle ultime 24 ore, nella città vesuviana sono stati registrati altri 27 cittadini positivi al Covid-19, che vanno ad aggiungersi ai 44 segnalati nei giorni scorsi.

A commentare i nuovi numeri è il direttore sanitario dell'azienda sanitaria Gaetano D'Onofrio: ''Dai dati in nostro possesso, uno dei soggetti contagiati è stato costretto al ricovero ospedaliero, 24 risultano paucisintomatici e posti in regime domiciliare e uno è totalmente asintomatico''.

D'Onofrio spiega che i positivi individuati ora ''sono frutto in particolare del lavoro di contact raising messo in campo per provare a circoscrivere quello che al momento risulta il focolaio più grosso nei comuni di riferimento della Napoli 3 Sud''.

Non si conoscono invece i dati relativi alla presenza di persone vaccinate, anche solo con la prima dosa, tra i 27 nuovi contagiati, che si sommano ai 44 registrati nei giorni scorsi e che, come spiega il sindaco Giovanni Palomba, comprendono anche i dodici cittadini nel frattempo negativizzati, mentre dei 32 ancora positivi e in isolamento domiciliare, sette avevano ricevuto la prima dose di siero, nessuno dei quali però presenta al momento sintomi particolari.

Un dato che sta subendo aumenti significativi in tutta Italia. Lo ha confermato anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri: “I numeri della prevalenza della variante delta in Italia sono aumentati e continueranno ad aumentare, tenderà a sostituire anche da noi come nel Regno Unito, la variante inglese. Il nostro compito è rallentarne la velocità di diffusione e rafforzare il tracciamento per limitarne i casi, ma a qualche settimana da oggi le percentuali sono destinate a crescere. Nel frattempo il rallentamento deve consentire una più rapida vaccinazione con le seconde dosi affinché questa variante non faccia danni".

LA SITUAZIONE

la variante delta