“Nel segno del ‘noi’. Il Sarno deve vivere e il golfo tornare a essere una meraviglia della natura”. Con questo slogan si stanno definendo gli ultimi dettagli per l’organizzazione della manifestazione e della corsa podistica in difesa del bacino fluviale del fiume Sarno, in programma il 7 giugno 2019.

Prevista la presenza di circa 64 istituti scolastici dell’intero bacino, quasi 4mila ragazzi: partenza da Sarno alle ore 8.30 da Piazza Municipio e arrivo al Villaggio del Fanciullo di Rovigliano presso la foce del Sarno, passando per i comuni di San Valentino Torio, San Marzano sul Sarno, Scafati e Pompei. L’obiettivo è quello di scongiurare la scarsa partecipazione all’ultimo corteo tenutosi il 2 dicembre scorso e bissare il successo dell’incontro al Liceo Caccioppoli di Scafati. Gli atleti correranno dietro la fiaccola olimpica e l’ampolla d’acqua raccolta presso la sorgente del Fiume Sarno; saranno accompagnati lungo il percorso da rappresentanze di alunni degli istituti scolastici, ognuna nel tratto del proprio comune.

Nell’aula magna del Liceo Pitagora-Croce di Torre Annunziata la riunione organizzativa, presieduta dal dirigente scolastico Benito Capossela con le associazioni del territorio: Legambiente, Libera, WWF, SlowFood, ZeroWaste/RifiutiZero, Lets do it Italy, Marevivo e Golfo delle Meraviglie. Tutti insieme per tenere alta l’attenzione sul fiume Sarno e sul rischio inquinamento ambientale. Alla riunione organizzativa hanno partecipato anche le istituzioni comunali: presente il sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione e l’assessore Emanuela Cirillo.

Possono partecipare tutti gli atleti e le atlete appartenenti a società affiliate alla F.I.D.A.L., gli atleti muniti di tesserino di Enti di Promozione sportiva, che hanno sottoscritto la convenzione FIDAL, tessera RUN CARD FIDAL, in regola con il tesseramento 2019 e con le norme di legge che regolano la tutela sanitaria dell'attività sportiva. Sono previste anche partenze dai Cantieri di Castellammare di Stabia, nei pressi del centro MEDI, per i partecipanti residenti da Sorrento a Castellammare di Stabia, e dal porto di Torre Annunziata, da via R. D’Angiò, dalla rotonda che immette sul lungomare di Oplonti, per i partecipanti di Torre Annunziata e comuni limitrofi.

“Ci mettiamo la faccia per costruire ponti con chi voglia dare una mano a cambiare il futuro di figli e nipoti – ha spiegato Rossana Camera, vicepresidente dell’associazione ‘Il Golfo delle Meraviglie’ -. Insieme ci riusciremo”.

vai alle foto

Il flash mob